Jamie Overbeek di Ozone conquista il podio più giovane nell'emozionante debutto della KOTA a Città del Capo

Jamie Overbeek, rider del team Ozone’s Big Air, si è assicurato un notevole secondo posto sul podio nella sua prima apparizione al Red Bull King of the Air di Città del Capo, in Sudafrica, mettendo a segno una straordinaria serie di trick complessi e di alto livello.

 

A soli 16 anni, il giovane olandese è il più giovane atleta a salire sul podio dell’iconico evento KOTA, che ha celebrato il suo decimo anniversario a Città del Capo con la gara forse più spettacolare di sempre, tutta combattuta in condizioni stellari.

La finale a tre ha visto Overbeek confrontarsi con altri due esordienti, l’italiano Lorenzo Casati e il campione del mondo GKA Big Air in carica, Andrea Principi, 18 anni. Il trio ha segnato un cambio di guardia nella disciplina del Big Air, in rapida evoluzione, con la vecchia guardia messa a ferro e fuoco nelle manche.

 

“È una sensazione incredibile”, ha detto Overbeek. “È come se il mio sogno si fosse avverato. Non poteva andare meglio di così. Il mio obiettivo era solo quello di superare le qualificazioni del Porsche Golden Ticket per accedere all’evento principale della KOTA. Ma sono arrivato fino alla finale”.

Il pilota olandese di Ozone non sarebbe riuscito a partecipare alla KOTA se non fosse stato per una piccola fortuna. Overbeek si era aggiudicato un posto nella prima qualifica Porsche, una manche a eliminazione per tre persone che precedeva la KOTA, con il vincitore che avanzava. Overbeek si è classificato secondo, ma un infortunio di Airton Cozzolino ha aperto un secondo posto alla KOTA.

 

Tuttavia, nella sua manche di apertura contro il campione in carica dei KOTA Marc Jacobs e Principi, Overbeek è uscito con tutte le armi in pugno. Il suo contra loop di apertura, estremamente aggressivo, sul suo Ozone Edge 7m2 nero, è valso il punteggio più alto della gara fino a quel momento, un 9.08 su un possibile 10.

 

I commentatori di Red Bull, Lewis Crathern e Colin Heckroodt, sono rimasti a bocca aperta per il “calore oltraggioso e magico” a cui hanno assistito. “Jamie Overbeek e Andrea Principi hanno dato di matto”, ha detto Crathern. “Sono stati scandalosi”.

Con Principi che incalzava, Overbeek ha cambiato il suo kite con un Enduro V4 6m2 blu acqua per il double kite loop board offs che ha eguagliato il suo rivale italiano e ha mantenuto il vantaggio, guadagnandosi la vittoria di manche.

 

“È stato un ottimo modo per iniziare”, ha detto Overbeek. “Mi ha dato molta fiducia. Le condizioni erano perfette per il mio 7m2 Edge. Mi piace molto la mia 7m2 Edge. Mi fido molto di lui e so che posso andare in alto”.

 

Overbeek ha avuto il dubbio onore di affrontare il connazionale e tre volte vincitore dei KOTA, Kevin Langeree, 34 anni, nel quarto di finale. Overbeek ha usato i suoi kite Edge V11 ed Enduro V4, insieme a un Ozone Code V3 132cms, con effetti devastanti.

In un incredibile upset, Overbeek ha battuto Langeree mentre il vento saliva a 50kts. Langeree sembrava non avere risposta alle nuove mosse che la nuova generazione stava lanciando, come il doppio kite loop con backroll che Overbeek ha inchiodato.

 

“Jamie Overbeek se ne sta andando”, ha detto Cathern a un certo punto della gara, quasi non riuscendo a credere a ciò che stava guardando. “Overbeek in overdrive!”.

 

Una semifinale tutta esordienti ha visto Overbeek affrontare il colombiano Beto Gomez. Ma partendo con il suo Edge V11 da 7m2, con una tavola da megaloop off e “il più impegnativo dei doobie loop con il kite completamente invertito”, Overbeek non ha mai dato segni di difficoltà e ha conquistato l’ambito posto in finale.

 

Overbeek si è goduto le condizioni da nuking portate dai venti di Cape Doctor, che si sono manifestati il terzo giorno del periodo di detenzione di due settimane, e che hanno giocato a suo favore. “Sono stati i venti più forti che la KOTA abbia mai avuto”, ha detto Overbeek. “Erano più di 50kts. Le condizioni erano fantastiche. Mi sono piaciute molto”.

 

In un KOTA definito “scontro generazionale”, i giovani hanno dato la loro impronta alla competizione, spazzando via i veterani e dominando la finale in quello che Cathern ha definito “la nuova generazione del kiteboarding”.

La finale di 15 minuti è stata un thriller sotto il sole del tramonto, con la Table Mountain avvolta dalle nuvole come sfondo drammatico. Una Kite Beach gremita ha acclamato a gran voce ogni trick mozzafiato, ma nemmeno il doppio megaloop backroll di Overbeek è stato sufficiente per superare il vincitore Casati, che ha appena compiuto 17 anni.

 

“In realtà è stata una buona manche”, ha detto Overbeek della finale. “Ho fatto tutte le mie figure e ho trovato i kicker. Sono riuscito a fare i miei ‘doppi’. Sono stato molto contento della finale. Noi tre sul podio avevamo 16, 17 e 18 anni. Abbiamo fatto fuori i ragazzi più grandi”.

In un cenno alla giovinezza di Overbeek, sul podio ha avuto qualche perplessità sull’apertura delle bollicine per la doccia di champagne e ha dovuto farsi aiutare da Casati. “Non avevo la minima idea di come aprirlo”, ha detto Overbeek. Senza dubbio ci saranno molte altre occasioni in futuro.

 

Articolo di: Ian MacKinnon/Ozone

Foto: Red Bull content pool / Craig Kolesky e Paul Ganse

hai trovato quest articolo interessante? Condividilo con chi vuoi:

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere subito il

15% di sconto

sul tuo primo ordine, promozioni e anteprime sui nuovi prodotti!